Cerca nel blog

giovedì 12 marzo 2015

Nati per Leggere, i pediatri, il consultorio


I pediatri sono, sin dall'origine del progetto, una componente fondamentale di NPL. Nel nostro Sistema li abbiamo avuti accanto a noi al momento del dono del "primo libro" ai neonati. Li abbiamo affiancati con il deposito di albi illustrati per i bambini e di dépliants per i genitori nei loro studi medici, nell'intento di diffondere, insieme a loro, il piacere della lettura ad alta voce: piacere egualmente condiviso tra adulti e bambini. Martedì scorso, 3 marzo, abbiamo approfondito il senso di una programmazione comune sul progetto NPL partecipando ad una riunione dei pediatri di base del territorio. Allo scambio di esperienze è seguita la descrizione dei servizi che la biblioteca "A. Marazza" e il Centro Rete del Sistema offrono ai più piccini e ai loro genitori: consulenza su libri adatti alle diverse età del bambino, manuali, libri e riviste per i genitori, sia in consultazione che in prestito; letture ad alta voce, letture animate, laboratori; incontri di aggiornamento. Insieme abbiamo elaborato alcuni ulteriori momenti di collaborazione: una newsletter informativa periodica su NPL da inviare tutti gli studi pediatrici; intervento del pediatra ad alcuni degli incontri in biblioteca: i bambini e i libri illustrati con la lettrice, i genitori con il pediatra per approfondire i temi che l'esperienza metterà, di volta in volta, in maggiore evidenza.
Sul versante del Consultorio pediatrico pubblico sono iniziati ieri, mercoledì 11 marzo, gli interventi della volontaria civile, concordati nei mesi scorsi con la pediatra responsabile e il competente dirigente ASL. Gli incontri si terranno per due mesi a cadenza quindicinale. Nel corso di questi, la volontaria presenta ai genitori il progetto NPL, mostra i libri ai bambini, favorendo il loro contatto con le pagine scritte: ascoltare, guardare, toccare, anche annusare sono le attività esplorative che i bimbi svolgono con entusiasmo e piacere. La loro gioia contagia anche le mamme. La presenza di un'animatrice NPL al Consultorio è particolarmente importante perché consente di coinvolgere sia i bimbi appartenenti ad ambienti nei quali il libro è già presente, sia i bimbi che vivono in contesti nei quali il libro non è purtroppo un oggetto familiare. E questo, della maggior conoscenza e diffusione dei libri presso cittadini di ogni età e di ogni ceto sociale, è un compito imprescindibile della biblioteca pubblica che è, come scriveva Virginia Carini Dainotti, ispiratrice e prima presidente della Fondazione Marazza, un fondamentale "istituto della democrazia".

Nessun commento:

Posta un commento