Cerca nel blog

sabato 28 settembre 2013

Gli "abbracci di libri" sono tornati!


Stamattina nella Casa della Fantasia grande ritorno degli abbracci di libri con il cantastorie Guido Tonetti. Tantissimi bambini e anche un discreto numero di genitori sono stati convolti nelle parole di lana e fili di canto che narravano la storia di due pecorelle molto diverse tra loro (la tenera protagonista di Ninna nanna per una pecorella e La pecora Carlotta, intrepida quant'altre mai).
Le letture hanno riscosso grande successo e molti bimbi, prima di tornare a casa, sono passati alla Sezione Ragazzi per prendere in prestito i libri e gli albi illustrati che li accompagneranno lungo tutta la settimana,
Gli abbracci di libri, inseriti nel progetto Nati Per Leggere, continueranno fino al 21 dicembre. Ogni sabato mattina alle ore 10.30 una bibliotecaria proporrà letture ad alta voce e giochi di libri per i bambini da 3 a 6 anni.
Il volantino dell’iniziativa si può scaricare qui: http://www.fondazionemarazza.it





mercoledì 11 settembre 2013

Biblioteca di Maggiora: presentazione libro

Venerdì 13 Settembre 2013 
alle ore 21.00 
a Maggiora 
nella Biblioteca Comunale 
si terrà un incontro con Silvano CREPALDI 
che presenterà il libro  
Santi e reliquie. Devozione popolare nella Diocesi Novarese


venerdì 6 settembre 2013

IO SCRIVO, TU DISEGNI, NOI RACCONTIAMO! Il programma completo

Corso di formazione e aggiornamento a cura di Alfredo Stoppa  

Martedì 29 ottobre 2013
•Introduzione all'importanza della fiaba dal punto di vista culturale, storico, letterario e sociale. La fiaba come genere letterario che, attraverso l'uso della bugia (il fantastico, l'incredulità, la meraviglia), racconta, grazie alla sua brevità ed essenzialità, il vero. Genesi della fiaba popolare (ruolo del cantastorie), nascita delle fiaba letteraria. Cenni sulle differenze esistenti tra fiaba, favola e leggenda. Lettura collettiva di alcuni testi e analisi delle sostanziali differenze fra la fiaba, favola, leggenda.  

Giovedì 31 ottobre 2013 •Le storie da dove nascono, perché da sempre affascinano l'uomo, come si sviluppano in ogni tipo di società, tanto da poter affermare che nessuna civiltà può sopravvivere senza ascoltare e narrare, senza condividere i racconti e creare in tal modo una memoria collettiva e un senso di appartenenza. Come lo scrittore incontra la storia e perché “è costretto” a scriverla. I colori, gli odori, i sapori delle storie: la scrittura sensuale. Lo scrittore come osservatore della realtà, del quotidiano, del visto. La sua sensibilità nel tenere d'occhio il bambino, giocando tra rigore e leggerezza, creando una scrittura intensa ma non cerebrale, divertente ma non banale. L'importanza di una scrittura alta, dell'uso di aggettivi e sostantivi “giusti”, della musicalità delle parole. Esempi di poesie e filastrocche, ovvero come i versi sanno attirare l'attenzione del bambino, introducendolo, con la forza e la magia delle parole, in una dimensione dove il buon senso e la logica “ non hanno senso” e dove trionfano suoni e voci che tendono tranelli, che stupiscono, che incantano.  

Martedì 5 novembre 2013 •L'importanza culturale in una società basata sull'immagine del libro illustrato, il mestiere dell'illustratore, come si fanno e come si leggono le figure. Studio su tipologie diverse del fare illustrazione. Albi illustrati senza parole: troviamone una lettura, leggendo le figure. Il ruolo dell'illustratore come narratore, tanto da essere definito il cantastorie del terzo millennio. Il rapporto tra il linguaggio iconico e il linguaggio testuale nel libro illustrato, un importante e affascinante rapporto fatto di incontri e scontri, adesioni e fughe, rimandi e tradimenti..  

Giovedì 7 novembre 2013 •Come si sceglie un albo illustrato o un testo da leggere ad alta voce. L'importanza del condividere una storia con i bambini. Uso della voce, le pause, lo sguardo, i cambiamenti di tono per catturare l'attenzione ed emozionare chi ascolta. Che tipo di storie leggere, quali sono adatte a una lettura privata e quali sono adatte a una lettura collettiva.

Sabato 9 novembre 2013 Incontro-laboratorio rivolto ai soli partecipanti al corso e condotto da Chiara Balzarotti Dopo aver letto ai bambini e ai ragazzi un libro, come si possono unire le emozioni, che hanno provato durante l'ascolto, alla loro vita quotidiana? Durante il laboratorio i corsisti apprenderanno, con esperienza diretta, a trasformare un testo di Alfredo Stoppa, Sembrava un corvo, in “lavoro” manuale. Si dimostrerà così come una storia, che a una prima lettura può risultare per una fascia di età superiore ai 9 anni, può in realtà essere adattata a bambini più piccoli o essere rielaborata per ragazzini. I partecipanti saranno invitati ed opportunamente guidati a realizzare oggetti e percorsi adatti alle diverse età dell’infanzia. Il percorso, della durata di 4 ore, prevede la costruzione di tre oggetti divisi per fascia di età: scuola materna, scuola elementare primo ciclo, scuola elementare secondo ciclo e medie. Un lavoro, quello sulla paura, che si presta ad essere svolto su più livelli e per un periodo che va oltre le ore di laboratorio manuale.
  
Il corso è gratuito, è tuttavia richiesta una quota di iscrizione di euro 5 (cinque) per i quattri incontri e il laboratorio. Si rilascerà attestato di frequenza. 

Sede degli incontri: Fondazione Achille Marazza, viale Marazza 5, 28021 Borgomanero NO Orario: dalle ore 16.30 alle ore 18.30; escluso il laboratorio di sabato 9 novembre, che si terrà dalle 9 alle 13.

Per informazioni e prenotazioni: Biblioteca Ragazzi della Fondazione Marazza e Centro Rete Sistema Bibliotecario, Viale Marazza 5 – 28021 Borgomanero NO tel. 0322 81485; 0322 836730; marazzaragazzi@libero.it, sistemabibliotecario@tin.it